giovedì 22 marzo 2018

Speranza, deserti e cambiamenti climatici



Questo documentario del film-maker John D. Liu risale ormai a qualche anno fa, ma non è mai troppo tardi per condividere qualcosa che merita di essere visto (soprattutto se sottotitolato in italiano), quindi...

...buona visione e buon futuro dal vostro affezionato Panda

martedì 20 marzo 2018

The Plastic Bank e molto altro

Pu



Anche se David Katz non usa parole gentili per il il progetto Ocean Cleanup (e iniziative analoghe) e nonostante il Panda sia un entusiastico sostenitore di Ocean Cleanup, questo video è da vedere e diffondere.

The Plastic Bank di David Katz e TheOceanCleanup di Boyan Slat non sono alternative. Sono parti complementari ci ciò che andrebbe fatto e purtroppo non viene ancora fatto alla scala necessaria per porre parziale rimedio al disastro plastico che il mondo ha commesso.

Il 90% della plastica in mare arriva da appena 10 fiumi, quindi ben vengano anche progetti volti ad eliminare meccanicamente la plastica dai fiumi (come ad esempio il Progetto Trash Wheel). I rifiuti plastici sono ovunque, la micro e nano-plastica è ovunque. Serve tutto: la riduzione ed il riuso degli imballaggi, imballaggi riciclabili e riciclati, la raccolta differenziata ( e il riciclaggio che rendono ciò possibile), le campagne per ripulire fiumi, coste e terreni dai rifiuti, l'Ocean Cleanup e la Plastic Bank... Serve veramente tutto e serve ad un livello molto maggiore a quello attuale.

Ma prima di tutto serve che la gente comune sappia che si può fare qualcosa, anzi si può fare moltissimo per rendere il futuro meno spaventoso e gli oceani posti più puliti. Si può ancora rendere il mondo un posto migliore e chi dice il contrario mente. Se lo fa solo con se stesso, solo con gli altri oppure se mente sia a sè stesso sia agli altri non fa una gran differenza.

The Plastic Bank, il concetto di plastica solidale e di economia circolare (e tutto quanto accennato in questo misero post) sono tutti concetti che dovrebbero essere noti ad ogni persona (bambini ed anziani inclusi). Ed è bene ricordarsi che sono anche delle realtà, non solo delle idee. Realtà che dovrebbero essere il più possibile emulate,, possibilmente da centinaia o migliaia di progetti analoghi. O almeno questa è la speranza del vostro affezionato Panda.

Per dirla alla John Lennon: " Puoi dire che sono un sognatore ... Ma non sono il solo ".

Se le speranze del Panda sul futuro e sulla plastica sono anche le tue speranze, ricordati amico mio che non sei solo. E se vorresti fare qualcosa, ma non sai da dove iniziare, allora permettimi di consigliarti di iniziare facendo sapere ai tanti come me e te che non sono soli.


Buona visione e buon futuro a tutti dal Panda

venerdì 26 gennaio 2018

Si fa presto a dire bicicletta

Si fa presto a dire "bicicletta", ma le possibili declinazioni non mancano e sono spesso sorprendenti.
Il vostro affezionato Panda ha scelto 3 video tra gli infiniti esempi possibili per rappresentare questa vareità e vivacità. Un'effervescenza che è un valore in sé, soprattutto in un paese tanto asservito all'auto come l'Italia.

Buona visione e buon futuro a tutti dal Panda





giovedì 4 gennaio 2018

Balasso, discorso di capodanno 2018


Il vostro affezionato Panda vi passa questo video con un po' di ritardo, ma poco importa: i discorsi di capodanno di Balasso vanno sempre bene. Anzi vi consiglio di vedere (o rivedere) anche quelli degli anni scorsi.



Buona visione e buon futuro (perché limitarsi al solo 2018?) a tutti dal Panda

venerdì 15 dicembre 2017

Il Web sta morendo (e la libertà con esso)... "grazie tante" signor Trump!

Di Camilo Sanchez
Opera propria, Pubblico dominio
.
Il Web è in gravissimo pericolo. Purtroppo non è il vostro affezionato Panda a sostenerlo, ma, tra i tanti, persino uno dei suoi 2 papà, cioè Sir Tim Berners-Lee, oltre ad un numero impressionante di pionieri della prima epoca del web, nonché grandi nomi del settore tecnologico tra cui il cofondatore di Apple Steve Wozniak.

In poche parole si rischia di perdere la Net Neutrality, ovvero il principio cardine su cui si è fondata, finora, la sostanziale libertà del Web.

Una libertà non di poco conto nella realtà in cui ci troviamo oggi. Una libertà, la cui perdita ci ricaccerebbe nel medioevo mediatico dove solo alcuni hanno il diritto di far sapere la propria, mentre al pubblico è data solo la libertà di ascoltare, purché lo facciano in silenzio.

Non c'è che dire, Trump quando non gioca alla terza guerra mondiale con la Corea del Nord o a destabilizzare l'intero Medio Oriente, o a provocare Russia, Cina, Iran e Venezuela, non sta certo con le mani in mano. Un leader adatto ai tempi che corrono e in linea con la "nuova" destra che risorge dalle fogne della storia e che "profuma" tanto di Quarto Reich: il mondo è di chi ha i miliardi, basta far finta che siamo tutti uguali!

Il presidente del mondo libero (minuscole volute e meritatissime) più che amicone di Putin, parrebbe pericolosamente vicino al  Ku Klux Klan sia per storia famigliare che per decisioni politiche adottate.
Ed infatti, al di là dei suoi patetici giochi di retorica, si fa fatica a non vedere una certa ripugnanza per Messicani ed Islamici nelle sue scelte politiche.

Con la dissolvenza della Net Neutrality ora si può dire sul serio che "non c'è più il futuro di una volta". E se la società civile continuerà a lasciar fare ai barbari, mentre ipnotizzata si trastulla tra social media, telefonini, partite di calcio e Reality, presto il peggio del peggio della natura umana tornerà a bussare alle porte di tutti. E questa volta lo farà con la furia ed il livore di settant'anni di forzata astinenza.

Vi sembra un'esagerazione?

Beh, può essere, ma ricordatevi però che già oggi circa 7000 testate nucleari dall'inimmaginabile potenza distruttiva sono in mano ad uno il cui padre manifestava nel KKK, uno che di fatto ha vanificato l'Accordo di Parigi sul clima, che ha appena formalmente riconosciuto Gerusalemme come la capitale di Israele e che ha...

...attentato alla libertà di espressione di miliardi di esseri umani attraverso la limitazione della Net neutrality!







Buon futuro a tutti dal vostro affezionato Panda

P.S. - Questa volta, credetemi, è veramente faticoso non cedere alla tentazione di escludere dal mio solito augurio almeno una persona (voi sapete chi)... eppur resisto, sia a lui sia alle mie debolezze. Non è bontà spicciola: una vittoria non inclusiva non è mai una vera vittoria per nessuno. Siamo animali sociali. E' la biologia, assai prima della morale, ad imporcelo. Quindi se uno vince a scapito degli altri, perde anche lui. Che si renda conto o meno di quel fallimento non cambia la sostanza dei fatti. La stupidità non è il paradiso. E' il rifugio dei perdenti.

lunedì 4 dicembre 2017

Mujica e il consumismo



Per chi non lo conoscesse, il simpatico "vecchietto" del video qui sopra (tratto da un’intervista con il regista Yann Arthus-Bertrand per il bellissimo documentario Human) è "Pepe" Mujica, ex-capo di stato uruguaiano, noto anche come "il presidente più povero al mondo" a causa del suo stile di vita estremamente semplice (e mantenuto tale anche durante l'intero arco della sua carica).

Un breve e semplice discorso che va a smascherare un costo, tanto pesante quanto "dimenticato", di questo stanco e decadente consumismo.


Buona visione e buon futuro a tutti dal vostro affezionato Panda

venerdì 1 dicembre 2017

Le tante anime dell'auto elettrica in Italia... più una considerazione generale

Buongiorno a tutti dal vostro affezionato Panda. Oggi ho selezionato per voi ben 4 video che parlano di auto elettriche, non in astratto, ma rimanendo aderenti alla realtà italiana. Quattro testimonianze e quattro spunti di riflessione che, nel bene e nel male, possono aiutare a farsi un'idea meno astratta di questa realtà.

Le riflessioni e le conclusioni le lascio fare a voi...

...ma solo dopo aver letto anche quanto riportato nella notizia linkata dopo il quarto ed ultimo video.

Buona visione (e lettura) a tutti.





Se siete stati abbastanza pazienti da arrivare fino a qui, per favore, fate ancora uno sforzo e leggete questo:  recente ricerca di Stanford sulle auto a combustione interna. E' una considerazione generale che credo sia indispensabile a farsi un'idea completa dello scenario riguardante il mondo dell'auto in generale.


Buon futuro a tutti dal Panda

sabato 18 novembre 2017

QUELLO CHE NON TI HANNO MAI DETTO SULL'AUTO ELETTRICA



Quello che non vi hanno mai detto sull'auto elettrica, ma anche e soprattutto quello che tendiamo a tacere dell'auto a combustione interna e della combustione in generale, roba come questa (null'altro che alcuni sparuti esempi tra i tanti possibili):

1) L'Italia ha circa 91.000 morti premature all'anno per inquinamento atmosferico

2) Inquinamento e malattie neurodegenerative (e più dettagliatamente qui)

3) Le nanoparticelle ci fanno ammalare

4) 1000 km con un pieno

E ovviamente questo: effetto serra descritto con qualche semplice numero qui e qui (della serie il climatizzatore non basta).


Buona visione e buon futuro a tutti dal vostro affezionato Panda.

martedì 29 agosto 2017

Meglio coltivare la Pace, perchè... facciamo sempre in tempo a diventare polvere radioattiva

In tempi in cui il presidente degli Stati Uniti d'America e quello della Corea del Nord giocano a chi ha il razzo più lungo, temo che questo TED Talk sia quanto mai attuale.

E c'è poco da stare allegri.

E c'è poco da cercare dove potersi rintanare (vedi qui e qui). All'attuale stato di sviluppo degli ordigni nucleari non c'è rifugio che tenga. E se anche ci fosse, ad attendere i pochi superstiti rimarrebbe una landa morta, fredda e radioattiva (per inciso, anche una modesta guerra locale condotta esclusivamente con ordigni nucleari di scarsa potenza, avrebbe comunque importantissimi effetti globali... di questo genere: vedi qui).



Per chi volesse approfondire l'argomento ecco alcuni link:

EFFETTI DI ESPLOSIONI NUCLEARI E SCENARI DI GUERRA NUCLEARE

Consigli dell'American Chemical Society

Guerra Nucleare - Wikipedia

Una bomba a idrogeno a tre stadi ovvero a fissione-fusione-fisione

Bomba al cobalto o "ordigno fine-di-mondo" (ma non per finta)

Buona visione e buon futuro a tutti dal Panda

lunedì 28 agosto 2017

Salve umanità, sono io, la tecnologia. Dobbiamo parlare.

Tecnologia... che dire?

Il vostro affezionato Panda la adora, ma proprio per questo vorrebbe maggior rispetto per lei e per noi stessi.

Prima di lasciarvi ho un paio di osservazioni da fare:

1) La prima osservazione è in realtà un ringraziamento al mitico maxrupo per la sua instancabile attività di traduzione e sottotitolatura di video anglofoni che meritano di essere resi disponibili anche per chi non se la cava tanto bene con l'inglese. Grazie Max!

2) La seconda osservazione è una precisazione tecnica: nel caso non appaiano automaticamente alla partenza del video, per vedere i sottotitoli in italiano basta premere (in basso a destra nel riquadro di YouTube) sul tasto indicato dalla freccia rossa nell'illustrazione qui sotto:

Detto questo al vostro Panda non rimane altro che augurarvi....

...una buona visione e un buon futuro a tutti voi.